Articoli marcati con tag ‘Pink Floyd’

Storm Thorgerson (1944 – 2013)

Fotografo e designer britannico Storm Thorgerson è l’autore delle copertine più importanti della storia del rock. Noto principalmente per l’album The Dark Side of the Moon dei dei Pink Floyd, ha lavorato anche per i Genesis, Paul McCartney, Black Sabbath, Peter Gabriel, Muse e Led Zeppelin.

Syd Barrett -The Madcap Laughs  1970Storm Thorgerson (1944 - 2013) Pink Floyd - The Dark Side of the Moon 1973Pink Floyd - Wish You Were Here 197510cc - How dare You! 1976Led Zeppelin – Presence 1976Peter Gabriel - 1977Ween – The Mollusk 1997The Cranberries - Bury the Hatchet 1999Muse - Absolution 2004

Raccolta dei migliori loghi delle case discografiche

Tra  gli aspetti più importanti delle case discografiche è creare un marchio facilmente riconoscibile. Creativebloq.com ne indica alcuni.

Factory Records
Raccolta dei migliori loghi delle case discografiche factory records

Fondata nel 1978, ha cessato l’attività nel 1992. In questo arco di tempo ha contribuito fortemente alla crescita culturale della città di Manchester introducendo anche profonde innovazioni nel panorama discografico indipendente. L’art director e graphic designer Peter Saville progettò il logo iconico.

Harvest Records
Raccolta dei migliori loghi delle case discografiche Harvest Records

Fondata dalla EMI nel 1969 per promuovere il progressive rock e stili musicali sperimentali, ebbe sotto contratto band quali i Deep Purple e i Pink Floyd. Il logo fu creato dall’artista designer Roger Dean.
Apple Records

Raccolta dei migliori loghi delle case discografiche Apple Records

Fondata dai Beatles nel 1968 come divisione della Apple Corps, ha curato la pubblicazione dei loro album e di altri artisti emergenti. Il logo fu creato da Gene Mahon. Il design semplice ed efficace è caratterizzato dal verde brillante della mela Granny Smith.

Nervous Records
Raccolta dei migliori loghi delle case discografiche Nervous Records

Fondata nel 1991,  produce house music ed hip-hop. Il logo è riconosciuto immediatamente per l’accattivante cartoon.

Reinforced Records
Raccolta dei migliori loghi delle case discografiche Reinforced Records

Fondata nel 1989, nel corso degli anni ’90 divenne una delle più importanti e innovative etichette Drum ‘n’ Bass di tutto il mondo. L’artista britannico di musica elettronica, disc jockey e visual artist Goldie ne sviluppò il logo.

Sympathy for the Record Industry
Raccolta dei migliori loghi delle case discografiche Sympathy for the Record Industry1
Fondata nel 1988 si occupa prevalentemente di musica punk e garage rock ed ha lanciato molti artisti quali The White Stripes e Hole.

Warp
Raccolta dei migliori loghi delle case discografiche Warp.1

Fondata nel 1989 si occupa principalmente di musica elettronica. Il logo fu realizzato da The Designers Republic.

Island Records
Raccolta dei migliori loghi delle case discografiche Island Records
Fondata in Giamaica nel 1959, il suo caratteristico logo con la silhouette dell’albero di palma, divenne famosa grazie a Bob Marley che lo fece diventare punto di riferimento per la musica reggae. Fra gli anni ’60 e ed ’80 pubblicò le prime incisioni degli U2, Robert Palmer e dei Jethro Tull.

Earache Records
Raccolta dei migliori loghi delle case discografiche Earache Records1
Fondata nel 1985, produce dischi di death metal, industrial metal e grindcore. Il graphic designer Mark Leahry, per celebrare il 25° anniversario, ha rinnovato il logo catturando tutti i segni distintivi dell’heavy metal.

Motown
Raccolta dei migliori loghi delle case discografiche Motown
Fondata nel 1959, svolse un ruolo importante nell’integrazione razziale nella musica pop. Nel corso degli anni ha modificato varie volte il logo, ma probabilmente il più famoso fu quella realizzato nel 1965 periodo in cui aveva contratto Diana Ross & The Supremes, The Four Tops e The Jackson 5.

Le copertine degli album musicali

Uno dei motivi che spingevano i ragazzi degli anni ’70 ad acquistare un LP era rappresentato anche dalla copertina. In origine era solo una protezione per il disco in vinile, ma negli anni ’60 grazie anche al formato gatefold le cover divennnero una forma d’arte.

Con l’arrivo del CD negli anni ’80 lo spazio si ridusse ma grazie all’evoluzione delle tecniche grafiche e fotografiche si riuscirono a trovare delle soluzioni in grado di rendere accattivanti anche i piccoli formati. Youthedesigner ci indica le attuali tendenze.

La cover con il viso dell’artista

Inserire il viso sulla cover è la tendenza usata spesso dagli artisti agli inizi della loro carriera.

Utilizzo di parti del corpo umano

Cover Disegnate a mano

Tipografia

Cover surreali, astratte e minimali