Articoli marcati con tag ‘cartoline’

A Boston in mostra le cartoline d’epoca

Sino al aprile 14 il Museum of Fine Arts ospita la mostra “The Postcard Age: Selections from the Leonard A. Lauder Collection” che raccoglie circa 450 cartoline di diversi artisti ed editori provenienti dall’Europa e dall’America che copre il periodo che va dell’Art Nouveau alla Prima Guerra Mondiale.

Charles Naillod, advertising postcard of Moulin Rouge, 1905 (Leonard A. Lauder Postcard Archive Promised gift of Leonard A. Lauder courtesy the Museum of Fine Arts) Grande giornata aviatoria, 8 luglio 1934, ore 16.30 (Leonard A. Lauder Postcard Archive-Promised gift of Leonard A. Lauder. Courtesy Museum of Fine Arts, Boston) Grandi magazzini Mele,1900 ca. di Aleardo Villa (Leonard A. Lauder Postcard Archive-Promised gift of Leonard A. Lauder. Courtesy Museum of Fine Arts, Boston) Las CONSERVAS Albo son las mejores,' 1930.(Leonard A. Lauder Postcard Archive-Promised gift of Leonard A. Lauder. Courtesy Museum of Fine Arts, Boston) Les éléments Gisbert Combaz, 1898 (Leonard A. Lauder Postcard Archive-Promised gift of Leonard A. Lauder. Courtesy Museum of Fine Arts, Boston) Triennale D'Oltremare 1939 Cella (Leonard A. Lauder Postcard Archive-Promised gift of Leonard A. Lauder. Courtesy Museum of Fine Arts, Boston)

Promuovere se stessi: idee, suggerimenti ed esempi

L’opportunità bussa nei posti più strani quali una conferenza, un bar o ad un festival. Pur sapendo che il tuo portfolio online contiene i tuoi lavori, mostrarlo non è conveniente in quanto sovente vi troverete in una situazione contingente con poco tempo e con la necessità di fare una immediata buona impressione. E’ importante perciò assemblare un kit portfolio da consegnare contestualmente ai potenziali datori di lavoro. Ecco come è possibile utilizzare prodotti di stampa per promuoversi.

1. Il Biglietto da visita
Abbiamo già dedicato un ampio articolo su un altro nostro post, ma ecco alcuni esempi illuminanti:
Il Graphic designer Mark Dormand ha utilizzato il retro della sua carta per evidenziare il suo lavoro.

Dennis Ventrello ha progettato il suo biglietto come un mini-curriculum.

Dane Holmquist è un talentuoso illustratore, graphic designer e tipografo come si può desumere dal biglietto da visita.

Bubi Au Yeung illustra il suo stile creativo con esempi di icone sul retro del suo biglietto da visita.

Per Bugar Mate il biglietto assomiglia ad un mirino di macchina fotografica.

Mackey Saturday  i suoi biglietti sono in legno ed inchiostro metallico.

Noè Norman ha il biglietto da visita magnetizzato.

Jamie Reed mostra abilmente la sua personalità e capacità di progettazione.

Biglietto progettato da Luis Cabrera per una piccola azienda di produzione cinematografica.

Karen Cornish  illustra la sua competenza bilingue nel biglietto pieghevole in stile meishi.

Biglietto realizzato da Eduardo Quadra e Eduardo Araujo per l’azienda brasiliana di trasporto merci TAM.


2. Adesivi
Tutti amano gli omaggi e pertanto molti designer li portano a fiere ed altre manifestazioni distribuendoli come strumenti di auto-promozione.

3. Biglietti d’auguri
Le vacanze sono il momento perfetto per dire ringraziare i  clienti. Inviare  un biglietto di auguri è un ottimo modo per farsi ricordare.

4. Cartoline
Se siete alla ricerca di promuovere voi stessi, ma il biglietto da visita è insufficiente, la cartolina darà maggiore spazio al vostro messaggio. Molti professionisti sono soliti lasciare le cartoline promozionali in gallerie d’arte ed in altri posti strategici.

5. Opuscoli e brochure
Abbiamo già dedicato un ampio articolo su un altro nostro post, ma ecco alcuni esempi:

6. Poster
Spesso si conservano gli annunci interessanti sulle riviste ponendoli bene in vista per trarre ispirazione. Creare  poster in occasione di eventi è un ottimo modo pubblicizzare se stessi. Ecco alcuni esempi.

via hongkiat.com

4 artisti interpretano il Premio Omi con delle cards a tiratura limitata

Aperte le iscrizioni al Premio Omi indetto dall’Osservatorio Monografie istituzionali d’impresa e patrocinato anche  dalla nostra Associazione. Per promuovere il Premio, l’Osservatorio ha coinvolto i creativi Gianni Burato, Maurizio Marcato, Daniele Mendini e Pietro Vanessi per realizzare 4 cartoline in cui traducono visivamente ciò che loro intendono la “Monografia istituzionale d’impresa”. Ecco i sorprendenti risultati con le loro motivazioni.

Il Galeone di Gianni Burato

Esce da un libro, con a bordo memorie, sogni e speranze per traghettare questo bagaglio immateriale verso nuovi mondi da scoprire. E cos’è, se ci pensiamo, una Monografia aziendale se non un punto fermo, stampato nero su bianco, destinato però a fungere da trampolino verso nuove sfide?

 La PinUp di Maurizio Marcato

Gloriosa, “tanta”, colorata icona di un dopoguerra ormai lontano, pieno di speranze e di sogni, di nuovi mondi che si aprono e vecchi calcinacci da spalar via. La storia dell’Italia insegna all’Italia che la speranza nel futuro ha forme (e che forme!) che non tramontano mai.

Gli spaghetti di Daniele Mendini

Racchiudono la storia d’Italia, il made in Italy nel mondo, l’idea di cucinare con cura per poi gustare con piacere. Ed ancora, la tradizione sempre nuova e ogni volta diversa, il valore dei piccoli gesti come, appunto, buttare la pasta o apprezzare l’impegno delle persone che “fanno” la vera storia di un’azienda.

Il Manager di PV di Pietro Vanessi

Pur nella goffaggine di una opulenza troppo ostentata, ci trasmette una grande verità: l’opera letteraria sia essa di editoria bianca o grigia – come spesso è, nel caso delle monografie d’impresa – va spolverata, e quindi curata, letta, capita, trasmessa.

Le cartoline di Natale di alcuni famosi illustratori

Le festività portano sempre una grande quantità di lavoro a tema Natalizio tra cui anche la scelta del biglietto di auguri. Creativebloq presenta alcune delle migliori cartoline create da famosi illustratori che si discostano dalle solite immagini tradizionali.

Buone vacanze da Unicom!

I nostri uffici rimarranno chiusi dal 30 Luglio al 31 Agosto