Le reti: modelli di creazione del valore

18-banner-orizzontale OPCC
Il lancio di un prodotto nell’era di Internet può trarre ampio beneficio da una politica di costruzione di una rete sociale che sfrutti a fondo i canali digitali, fino al punto di creare veri e propri fenomeni mediatici. L’interattività, persistenza e capillarità del Web diventano le armi degli uomini di marketing che possono arrivare a scatenare un effetto domino, fino al punto di far parlare di un brand tutti i mass media, tradizionali e non.
Fra i diversi strumenti del mondo digitale, è il social networking che offre le potenzialità diffusive maggiori. Infatti, il valore di un sistema relazionale che condivide interessi e scopi è incomparabilmente più alto del valore di qualunque rete tradizionale.
Per capire meglio i motivi che differenziano un social network da altri tipi di strutture a rete si possono citare, in estrema sintesi, i tre modelli di creazione del valore di un network:
– lineare: (legge di Sarnoff) il valore delle reti è proporzionale al numero degli ascoltatori e degli spettatori (distribuzione del contenuto di tipo broadcast: giornali, TV, radio);
– quadratico: (legge di Metcalfe) il valore di una rete, dove ogni nodo può connettersi con un altro, cresce con il quadrato del numero dei nodi (transazioni peer2peer: telefono, fax, email);
– esponenziale: (legge di Reed) il valore di una rete cresce in modo esponenziale se ci si riferisce a gruppi con interessi comuni, che condividono idee, obiettivi, modalità espressive e che abbiano un senso di appartenenza (l’esempio più evidente, in rete, sono proprio i social network).
Da questa semplice descrizione dei modelli di creazione del valore di una rete, appare evidente l’importanza dei social network nelle strategie di branding.

Massimo Giordani
Comitato Scientifico OPCC Unicom

Massimo Giordani

Massimo Giordani

2 Commenti a “Le reti: modelli di creazione del valore”

  • ..e se le reti non fossero solo un mezzo di diffusione mediatica ma anche una nuova forma d’impresa, e se quest’ultima fosse anche un’impresa di comunicazione, sarebbe più facile promuovere in una forma che è la stessa a cui si appartiene.

  • […] i tuoi commenti: cosa ne pensi delle strategie per vendere online? E del brand nel B2B? Qual è il modello di creazione di valore che utilizzi di più? Nella comunicazione meglio essere ottimisti o […]