Comunicati

Le anime artistiche di Roberto Fanari

La figura umana attraverso una sottile trama che restituisce forma e volume. 

Le sculture di Roberto Fanari sono immediate e riconoscibili per stile e forma. I volti e i corpi di bambini, realizzati attraverso una sottile trama di fil di ferro, danno forma a realtà più complesse. Realtà di movimenti, di espressioni e di storie che, grazie al contesto in cui vengono immerse, restituiscono allo spettatore immagini vive e in movimento. Fanari dimostra come attraverso la ripetizione di una linea ordinata si possano creare realtà tangibili.
Secondo la poetica dell’artista “gli oggetti e i personaggi rappresentati sono immersi in uno spazio invisibile ma ricostruiscono il contesto assente che diventa il vero protagonista. La linea, elemento essenziale di tutto il lavoro, disegna e costruisce lo spazio dando forma e volume. Il vuoto, la trasparenza, la fitta trama di filo assumono una valenza cromatica.
Roberto Fanari (1984) è uno scultore di origine sarda. Arrivato terzo classificato al Premio ArtGallery 2013  Quarta edizione, rappresenta un esempio per il lavoro assiduo e immediatamente riconoscibile e per l’utilizzo di un materiale dall’apparenza fragile e semplice come il filo di ferro. Fanari elabora forme umane, principalmente di bambini, e a volte animali. Diplomato all’Accademia di Belle Arti di Sassari, Fanari inizia un incessante percorso di mostre e premi tra la sua terra, la Sardegna e Milano, città in cui vive e lavora attualmente. Collettive: 2012 “All I desire”, spazio Orlandi, Milano; “Big Bang”, galleria LEM, libreria Mondadori, Sassari; “T racconto Cappuccetto Rosso”, T hotel, Cagliari; “Paratissima”, Galleria Allegretti Contemporanea, Torino; “Caratteri Ereditari e Mutazioni Genetiche”, museo d’arte contemporanea MAN, Nuoro; “M’ODA-sentire la forma”, Galleria Allegretti Contemporanea, Torino; “AAM Arte Accessibile”, sede Sole 24 ore, Milano; “UP_nea’12”, Fabbrica Borroni, Bollate; 2011 “Arte al centro (tavola)”, evento organizzato dal MAN, Nuoro; “Invito a Palazzo”, Banca di Sassari, Palazzo della Direzione Generale, Sassari; “Habemus Ego”, museo d’arte contemporanea MASEDU, Sassari; 2010 “Genau Sardinia”, Lucas Carrieri Artgallery, Berlino; 2009 “Lezioni di Volo” per “Public Metamorfosi Urbane”, Accademia di Belle Arti, Sassari; “Say What”, museo Sanna, Sassari; Premi: 2012 Menzione speciale al concorso UP_nea’12 Sezione Arti Visive; 2009 finalista Premio Nazionale Delle Arti.

Le anime artistiche di Roberto Fanari la Stanza delle MeraviglieLe anime artistiche di Roberto Fanari Domenica mattina 2 filo di ferro cottoLe anime artistiche di Roberto Fanari_la Stanza delle Meraviglie

Potrebbero interessarti anche: