Comunicati

Togliere, Togliere, Togliere. Breaking news!

Qualcuno ha detto che nel meno c’è il più. Lo dice anche Cooee Italia, l’agenzia di comunicazione diretta da Mauro Miglioranzi, che attraverso la campagna auto-promozionale “TOGLIERE TOGLIERE TOGLIERE” inviata a eliminare tutto ciò che non serve. La ricchezza eccessiva genera idee straripanti: un frastuono, un affollamento visivo, mentale ed emotivo che confonde e che impedisce di riconoscere ed apprezzare il valore dell’essenziale.
Il messaggio della campagna è semplice ma significativo: bisogna eliminare il superfluo per ritrovare ciò che realmente conta: quell’essenziale che ci permette di individuare la bellezza intesa come pulizia e ordine, un’armonia di idee, di forme e di colori.
Togliere ogni parola malata: la parole inutili, le frasi fatte, le chiacchiere a vuoto fatte per convenienza. Togliere i discorsi roboanti, i verbi presuntuosi e gli aggettivi altezzosi. Togliere le parole che non si conoscono, lasciare quelle che tutti sanno.
Togliere ogni azione insensata: l’approssimazione, la prevaricazione, la subordinazione e l’insubordinazione. Togliere l’improvvisazione di chi non sa, ma anche la preparazione di chi sa sempre tutto. Togliere l’accontentarsi sempre, il non cercare mai; togliere i lavori fatti a metà, le mete senza unità.
Togliere ogni conquista non meritata: l’apatia, la rinuncia, lo scoramento. Togliere lo speco; togliere quello che inquina il corpo e l’anima, togliere la mancanza di umiltà.
La strategia media della campagna Cooee sta coinvolgendo media tradizionali e non, off e on line.
In tutta la città di Verona il teaser della campagna è già protagonista della cartellonistica stradale in grande formato. A partire da settembre, “TOGLIERE, TOGLIERE, TOGLIERE” campeggia su web site e testate specializzate e di settore a livello nazionale.
Sono in programma inoltre, attività di viral e street marketing, gadget personalizzati, eventi e attività di rilevanza sociale.

“Ne hai abbastanza? Allora, diamoci da fare!”

Potrebbero interessarti anche: