Comunicati

L’Associazione Area G informa sulle problematiche adolescenziali.

Venerdì 18 aprile 2008 alle ore 9.00 presso la Casa della Cultura di Milano, giornata studio “sull’attacco al corpo” come conseguenza di un malessere psicologico e sulla sinergia tra pubblico e privato

“Tentativi di suicidio, disturbi alimentari, abuso di alcol e droghe, incidenti ricorrenti sono manifestazione di un profondo disagio psicologico che hanno come denominatore comune l’attacco al corpo…”

I fondatori dell’Associazione Area G di Milano parlano direttamente con gli operatori del mondo adolescenziale affrontando il disagio psicologico che si manifesta attraverso un danno al corpo. 

Assistenti sociali, educatori, insegnanti, neuropsichiatri, pediatri, psicologi sono i destinatari della giornata di studio “ADOLESCENTI MIGRANTI, ADOLESCENTI CHE ATTACCANO IL CORPO” promossa da Area G e FrancoAngeli Editore.
 

L’appuntamento, in programma venerdì 18 aprile 2008 alle ore 9.00 presso la Casa della Cultura di Milano, prevede anche la presentazione del libro “IL CORPO COME SE. IL CORPO COME SE’”, (edito da FrancoAngeli). Interverranno tra gli altri i curatori del libro, nonché presidente, vicepresidente e direttore scientifico dell’Associazione Area G. 

Spiegano i curatori: “L’interazione adolescente-ambiente è il tema portante di questo volume che vuole proporre una riflessione interdisciplinare sul significato degli “agiti” autolesivi in adolescenza e sulle risposte che il mondo adulto può offrire attraverso interventi articolati, frutto di una reale ed efficace interazione tra differenti ambienti e funzioni”.

I membri del Centro di consulenza e terapia psicologica Area G, la cui ventennale attività si rivolge a sostegno di adolescenti, giovani, genitori, coppie hanno curato la pubblicazione del volume per stimolare una riflessione fra gli operatori del settore e nel mondo adulto sul significato dell’attacco al corpo in adolescenza e sulle risposte che l’ambiente, sia pubblico che privato, può dare prima che i gesti diventino irreparabilmente autolesivi.
 

Non solo, quindi, uno studio scientifico delle problematiche, ma anche un’analisi sociale sul rapporto adolescente-ambiente e sulle dinamiche comportamentali ad esso legate.

Potrebbero interessarti anche: